Martedì, Settembre 25, 2018 - 03:08
Il Meteo Catania

Liggenna d''u "Friscalettu" (La leggenda del friscaletto)

Liggenna d''u "Friscalettu" 
(La leggenda del friscaletto)


Testo Originale

Picurareddu ch'mmucca mi teni
jeu sugnu figghia di Re Cavaleri
e pi pigghiari na pinna di cù
me frati Peppi tradituri fù

Maestà, maestà 
granni prudigiu mi capitò
Maestà, Maestà
pruvati vui, vostra figghia turnò

A tia Patri ca' mmucca mi teni
jeu fu'ghittata 'nta l'acqui sereni
pi a tia purtari 'na pinna di cù
me frati Peppi lu tradituri fù 
Pecorarello che in bocca mi tieni
io sono figlia di Re Cavaliere 
e per prendere una penna di cuculo
mio fratello Peppe traditore fù


Traduzione Letterale

Maestà, Maestà
un grande prodigio mi capitò
Maestà, Maestà
provate voi, vostra figlia tornò

A te padre che in bocca mi tieni
io fui gettata nelle acque serene
per a te portare una penna di cuculo
mio fratello Peppe il traditore fù



La figlia di un Re fu gettata nel fiume da suo fratello, per invidia, presso 
un canneto, e vi morì annegata. 
Dopo tempo, passa di là un pastorello e taglia una canna dal canneto per farsene un flauto ( friscalettu ) .Costruito lo strumento, lo porta alle labbra 
e ne esce un canto. 
Lo spirito della fanciulla vagante nel luogo si effonde dalla tenue canna, 
e rivela il misfatto. Il ragazzo stupito, corre al palazzo del Re, dove racconta il prodigio.
Il Re, dubitando, vuol provare anch'egli lo strumento, e allora lo spirito 
che vì è dentro si rivolge a lui: "o padre mio che mi tieni fra le labbra..., 
così si rinnova in Sicilia il mito gentile di Siringa. 
Racc. Favara